Il Border Collie

Il Border Collie: un lavoratore instancabile.

La razza ha avuto origine nella zona di confine tra la Scozia e l’Inghilterra, da qui il nome “Border” (confine); l’origine della parola “Collie” è, invece, incerta: secondo alcuni deriverebbe da “coleius” (fedele, in gallese), secondo altri da “coley” (nero), infine, secondo una terza ipotesi, da “colley”, una razza di pecore scozzesi.
Una suggestiva teoria sostiene che il Border Collie discenda dai cani da pastore da renna giunti in Scozia con l’invasione dei Vichinghi e, in seguito, incrociati con cani da pastore autoctoni.
Grazie alle eccellenti capacità di sorveglianza e di conduzione delle greggi la razza si è affermata all’epoca del boom della produzione laniera, nel XIII secolo.
Il Border Collie ha avuto una selezione molto severa realizzata in modo naturale e senza interventi artificiali: per i compiti a loro affidati questi cani hanno sviluppato una grande resistenza ed una buona costituzione fisica necessaria al lavoro negli aspri terreni inglesi, in sintonia col pastore.
Il suo ingresso nel gruppo dei cani da pastore del Kennel Club inglese è avvenuto solo molto tardi, nel 1976.

IL BORDER COLLIE STANDARD

Il Border Collie Standard FCI n. 297 del 8/9/1988
Classificazione FCI
Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (esclusi i bovari svizzeri)
Sezione 1.1 Cani da pastore

border_collie_colours_by_stormith

ASPETTO GENERALE: Ben proporzionato; la silhouette armoniosa esprime nobiltà, eleganza e perfetto equilibrio combinati con una struttura sufficientemente sostanziosa per dare l’impressione di resistenza. Ogni mancanza di armonia e di sostanza sono da evitare.

CARATTERISTICHE: Cane da pastore tenace, lavoratore e molto docile.

TEMPERAMENTO: Ardente, vigile, ricettivo e intelligente. Né diffidente né aggressivo.

TESTA E CRANIO: Cranio abbastanza largo. Occipite non pronunciato. Le guance non sono piene né arrotondate. Il muso, che si assottiglia all’estremità, è moderatamente corto e forte; il cranio e la canna nasale sono approssimativamente della stessa lunghezza. Lo stop è ben marcato. Il tartufo è nero, ad eccezione dei soggetti con mantello marrone o cioccolato nei quali può essere bruno. Se il mantello e blu, il tartufo deve essere di color ardesia. Le narici sono ben sviluppate.

OCCHI: Gli occhi sono ben distanziati, di forma ovale, di grandezza media e di colore bruno, ad esclusione dei soggetti merle nei quali e ammesso che uno o entrambi gli occhi siano blu, in parte o completamente. L’espressione è dolce, appassionata, sveglia e intelligente.

ORECCHIE: Di dimensioni e consistenza media, ben distanziate, portate erette o semi erette e attente al minimo rumore.

DENTATURA: I denti e le mascelle sono forti e presentano un’articolazione a forbice perfetta, regolare e completa: quindi gli incisivi superiori si devono sovrapporre agli inferiori con uno stretto contatto e sono impiantati a squadra rispetto alla mascella

COLLO: L’incollatura è di buona lunghezza, forte e muscolosa, leggermente arcuata e va allargandosi verso le spalle.

ANTERIORE: Visti di fronte, gli arti anteriori sono paralleli. Visti di profilo, i metacarpi sono leggermente obliqui. L’ossatura è forte ma non pesante. Le spalle sono ben inclinate. I gomiti sono aderenti al corpo.

CORPO: Di aspetto atletico. Le costole sono ben cerchiate; il torace è ben disceso e piuttosto largo. Il rene è ben disceso e muscoloso e l’addome non risale al livello del rene. La lunghezza del corpo è leggermente superiore all’altezza al garrese.

POSTERIORE: Largo e muscoloso; il suo profilo digrada con grazia verso l’attaccatura della coda. Le cosce sono lunghe, larghe e muscolose con il ginocchio ben angolato; i garretti sono forti e ben discesi. Dal garretto al piede i posteriori devono avere una buona ossatura e, visti da dietro, sono paralleli.
PIEDI: Di ferma ovale. I polpastrelli sono spessi, forti e sani. Le dita sono arcuate e chiuse. Le unghie sono corte e forti.

CODA: Moderatamente lunga. L’ultima vertebra deve raggiungere almeno il garretto; attaccata bassa, ben guarnita di pelo e termina con una curva verso l’alto che completa la grazia della silhouette e l’armonia del cane. La coda può essere sollevata quando il cane è eccitato, ma mai deve essere portata sulla schiena.

ANDATURA: L’andatura è sciolta, regolare e fluida con i piedi si sollevano appena dal suolo. Deve dare l’impressione che il cane sia in grado di muoversi a passi furtivi e con grande rapidità.